Guida al commercio elettronico

Guida al commercio elettronico

Categorie di commercio elettronico

Si possono identificare quattro categorie differenti di commercio elettronico:

  • Business to business: rapporti tra imprese.
  • Business to consumer: rapporti tra imprese e consumatori.
  • Administration to business: transazioni elettroniche tra Pubblica Amministrazione e imprese.
  • Administration to citizens: erogazione elettronica del servizi i cittadini.

Le ultime due categorie sopra descritte danno vita al cosiddetto e-government che costituisce, quindi, una branca dell’e-commerce.

Guida al commercio elettronico

La prima preoccupazione dell’utente al momento dell’acquisto su Internet è la semplicità con la quale può effettuare questa operazione, maggiormente sentita perfino dalla sicurezza dei dati e della loro riservatezza.

Naturalmente chi utilizza il computer regolarmente e ha confidenza con Internet, ha meno difficoltà ad effettuare un acquisto online, ma il sito di e-commerce deve essere realizzato in modo da rendere agevole questa operazione ance per chi non è molto esperto di navigazione.

Una volta entrati in un negozio virtuale (e-shop), se esso è ben progettato, sarà sufficiente seguire i link per sfogliare il catalogo, scegliere il prodotto e pagarlo.

Un e-shop affidabile deve fornire una descrizione del prodotto molto dettagliata e corredata da una o più fotografie.

Molta importanza hanno anche le, cosiddette, informazioni accessorie e cioè il tipo di consegna, spese di spedizione, diritti del consumatore, descrizione dell’azienda e la modalità di segnalazione di eventuali problemi, che devono essere chiare, complete e facilmente raggiungibili da tutte le pagine del sito.

Una volta dentro un negozio virtuale, l’accesso al catalogo dei prodotti può avvenire tramite un motore di ricerca interno o, semplicemente, sfogliandone le pagine. Trovato il prodotto, si aprirà la relativa scheda tecnica che deve contenere, oltre alle foto, una descrizione dettagliata di quell’articolo.

Se di gradimento, il prodotto potrà essere aggiunto al carrello virtuale tramite un pulsante tipo aggiungi al carrello solitamente accompagnato da una icona a forma di carrello della spesa, ovviamente prima di passare alla cassa è sempre possibile rimettere il prodotto sullo scaffale, proprio come in un supermercato.

Terminati gli acquisti si passa alla cassa virtuale, dove occorre compilare un modulo con i dati personali e di fatturazione.

In tutti i web shop che si rispettino è sempre presente anche la possibilità di registrarsi, facilitando così le operazioni da effettuare al momento dei successivi acquisti.

Una volta compilato il modulo verrà chiesto di scegliere il tipo di spedizione e le modalità di pagamento (solitamente: carta di credito, bonifico bancario, bollettino postale, contrassegno alla consegna).

Se si sceglie il pagamento con carta di credito, avverrà il reindirizzamento sul server sicuro della banca, dove si possono inserire in tutta sicurezza i dati relativi alla propria carta di credito (è bene non fidarsi dei negozi che chiedono l’inserimento del numero di carta di credito direttamente nel loro modulo d’ordine).

A questo punto verrà inviata una mail di conferma all’acquirente, che dovrà stamparla e conservarla almeno sino alla avvenuta consegna dei prodotti acquistati, in quanto essa rappresenta l’unico documento che dimostra la sottoscrizione del contratto d’acquisto.

Tra i prodotti che vanno per la maggiore nella vendita online, troviamo in primo luogo i computer ed i loro accessori, hardware e software.

Il motivo è evidente: chi usa il computer e ha confidenza con le tecnologie ha meno difficoltà ad effettuare un acquisto su internet, infatti i primi siti di e-commerce sono stati quelli dei grandi produttori e distributori di computer ed accessori.

Attualmente però, tra i negozi online che fatturano di più si trovano distributori di libri e CD musicali, i tour operator e le agenzie di viaggio ed è possibile trovare negozi che vendono prodotti di ogni genere, dalle auto ai prodotti per la salute ed ai giocattoli per i più piccoli.

Vantaggi dell’e-commerce

I vantaggi, immediati, che derivano dall’uso del commercio elettronico per le aziende ed i consumatori sono di carattere generale e di carattere particolareggiato (per i venditori e per i consumatori).

Vantaggi di carattere generale

Tramite la rete ci si rivolge ad un mercato internazionale di dimensioni planetarie, a differenza del commercio tradizionale, il negozio è aperto 24 ore su 24 e l’interazione tra l’azienda ed il consumatore avviene tramite l’utilizzo delle e-mail.

Principali vantaggi per il venditore

  • Possibilità di creare il proprio negozio virtuale aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
  • Il negozio ha una visibilità mondiale accessibile da qualsiasi computer del mondo che abbia una connessione internet.
  • Apertura dell’azienda verso mercati difficilmente raggiungibili.
  • Visti i minori costi di gestione, si possono effettuare una serie di sconti appetibili.
  • Possibilità di distribuire i propri prodotti a prezzi competitivi, essendo una vendita diretta azienda consumatore, senza l’intervento di intermediari.
  • Il venditore non deve immobilizzare capitali per fare scorte ingenti in magazzino.
  • Il corriere espresso convenzionato passa a ritirare il pacco dal commerciante e consegna il prodotto nelle mani del cliente finale nell’arco di pochi giorni.

Principali vantaggi per il consumatore

  • Tutto alla portata di un click, ovunque si trovi.
  • Possibilità di acquistare prodotti introvabili nel proprio luogo di residenza.
  • Possibilità di accedere a prodotti a costi inferiori.
  • Possibilità di ricercare il prodotto in più negozi stando comodamente seduto.
  • Le procedure di pagamento tramite carta di credito avvengono in un’area criptata e protetta con un sistema sicuro garantito e certificato.

Condividi l'articolo "Guida al commercio elettronico" sui Social

Google +

Autore: Gianluca

Scritto il 01 marzo 2012
Categoria: Guide.
Prodotti: .